Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Una lettera aperta per onorare le bellezze del territorio

25 febbraio 2016

L'Amministrazione comunale ha recapitato alle famiglie una lettera per invitare i cittadini a collaborare per un'azione di riordino del nostro paese.

Cogne Valle d'Aosta

In questi giorni, l'Amministrazione comunale ha recapitato a tutte le famiglie residenti sul territorio comunale una lettera per invitare tutti i cittadini a collaborare per un'azione congiunta di riordino generale del nostro paese.

Il Comune di Cogne è in buona parte ricompreso nel territorio del Parco Nazionale più antico d’Italia, che, oltre ad essere il più noto a livello italiano, dal 2014, fa parte della “Green list”, annoverandosi tra le 23 aree protette più prestigiose al mondo. Oltre alla presenza del Parco, il territorio comunale è interessato da diversi siti di importanza comunitaria e zone di protezione speciale (SIC-ZPS), che riconoscono la particolarità e il pregio ambientale della nostra terra a livello internazionale.

La comunità dei Cognein ha, pertanto, nelle sue mani un’importante ricchezza ambientale; è dunque responsabilità comune quella di gestirla e conservarla al meglio.

Fino agli anni ’70, Cogne aveva una vocazione industriale che durava da secoli ed era legata alle sue miniere di ferro, che tanto hanno portato alla comunità locale e che ancora tanto potranno dare nel prossimo futuro. Con la chiusura della miniera nel 1979, dopo alcuni tentativi per rilanciare lo sviluppo economico del paese mediante attività di tipo industriali, si è compreso che per Cogne il futuro non poteva che essere fatto di turismo.
Oggi, il turismo è indubbiamente la principale fonte economica e di sostentamento per tutti. Ogni attività, con le sue diverse sfaccettature (agricoltura, commercio, servizi ecc.), è preposta a dare un servizio di qualità, oltre che ai residenti, a tutti coloro che vengono a visitare le nostre bellezze naturali.
Anche chi svolge attività non prettamente legate al turismo deve essere cosciente che, anche se non direttamente, i benefici delle floridità economica data dal turismo arrivano anche a loro.
Basti pensare che, se in un Comune con poco meno di 1.500 abitanti, si riescono a mantenere alcuni servizi essenziali (es. poste, farmacia, cinema, ecc.), evitando continui spostamenti verso Aosta, ciò è soprattutto grazie al turismo.
Dunque, è importante impegnarsi perché Cogne e la sua valle siano appetibili al turismo e il turismo a cui qui si fa riferimento è un turismo “sostenibile”, dove i visitatori possano apprezzare l’ambiente, la cultura, la tradizione e sviluppare significative relazioni sociali con la comunità residente.
In questa accezione, dal 2010, Cogne è entrata a fare parte della catena internazionale delle Perle Alpine, organizzazione che alla base dei suoi criteri di adesione mette al centro l’ambiente e la mobilità sostenibile. Nel 2012, inoltre, Cogne ha ottenuto un riconoscimento importante: il Prato di Sant’Orso si è fregiato del titolo nazionale di “Meraviglia Italiana”.

Sulla base di questi importanti presupposti, l'Amministrazione comunale ha rivolto un caloroso invito a tutta la popolazione, affinché ognuno, nel suo piccolo, proceda con il riordino e l'eventuale bonifica delle situazioni di disordine più vicine; un'importante iniziativa volta a rendere il nostro Paese ancora più bello e accogliente.

Torna su